A Tokyo, Biden si dice pronto a usare la forza per difendere Taiwan


  • Un funzionario della Casa Bianca ha detto che non c’è stato alcun cambiamento nella politica
  • La Cina afferma che gli Stati Uniti non dovrebbero difendere l’indipendenza di Taiwan
  • Gli Stati Uniti vogliono inasprire la politica senza provocare Pechino – Analista
  • Il primo viaggio asiatico del presidente Biden in Giappone

TOKYO, 23 maggio (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato lunedì di essere pronto a usare la forza per difendere Taiwan, affermando a Tokyo che non c’è stato alcun cambiamento nella politica statunitense nei suoi continui commenti critici sulla Cina. Isola autonoma.

Durante la sua prima visita in Giappone dopo il suo insediamento e durante la sua visita in Giappone, il primo ministro di Fiden O’Brien, Fumio Kishida, sembrava allontanarsi dalla cosiddetta politica statunitense su Taiwan.

La Cina considera l’Isola Democratica il suo territorio, parte di “una Cina” e dice che è la questione più delicata e importante nei suoi rapporti con gli Stati Uniti.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Alla domanda di un giornalista durante una conferenza stampa congiunta con il leader giapponese se gli Stati Uniti avrebbero attaccato Taiwan, il presidente Biden ha risposto: “Sì”.

“Questo è l’impegno che abbiamo preso”, ha detto.

“Siamo d’accordo con una politica cinese. Da allora l’abbiamo firmata e firmato tutti gli accordi proposti. Ma non è solo intenzione prenderla con la forza, non è opportuno”.

Ha aggiunto che la sua aspettativa era che un tale evento non si sarebbe verificato o non avrebbe dovuto essere tentato.

Un funzionario della Casa Bianca ha affermato che non ci sono stati cambiamenti nella politica su Taiwan in seguito ai commenti di Biden. Il ministero degli Esteri cinese afferma che gli Stati Uniti non dovrebbero proteggere l’indipendenza di Taiwan.

Gli assistenti alla sicurezza nazionale del presidente si sono seduti ai loro posti e sembravano leggere Biden da vicino mentre rispondeva alle domande su Taiwan. Molti hanno disprezzato quando ha preso un vago impegno per la sicurezza di Taiwan.

Biden ha fatto un punto simile sulla difesa di Taiwan in ottobre. All’epoca, un portavoce della Casa Bianca disse che Biden non aveva annunciato alcun cambiamento nella politica statunitense e un analista chiamò il commento “Kauf”.

Mentre la Casa Bianca ha insistito che i commenti di lunedì non riflettessero un cambiamento nella politica degli Stati Uniti, Grand Newsham, colonnello in pensione del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e ora ricercatore al Japan Forum for Strategic Studies, ha affermato che il significato era chiaro.

“Questo rapporto dovrebbe essere preso sul serio”, ha detto Newsham. “È abbastanza chiaro che gli Stati Uniti non rimarranno a guardare se la Cina attaccherà Taiwan”.

Sebbene la legislazione di Washington dovrebbe aprire la strada a Taiwan per difendersi, ha perseguito a lungo una politica di “ambiguità strategica” sull’eventuale intervento militare per difendere Taiwan in caso di attacco cinese.

“Politica inasprita”

Biden ha fatto altri commenti duri sulla posizione sempre più assertiva della Cina nella regione, dicendo che sperava che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe pagato un prezzo per la sua invasione dell’Ucraina.

“Stanno cercando di rafforzare la loro politica, ma non vogliono provocare la Cina”, ha affermato James Brown, professore associato alla Temple University in Giappone.

È probabile che i commenti di Biden oscurino l’inizio della struttura economica indo-pacifica, che è fondamentale per il suo viaggio in Giappone, un progetto più ampio che fornirà un contesto economico per l’impegno degli Stati Uniti con l’Asia. leggi di più

Il suo viaggio prevede incontri con i leader del gruppo “Quad” provenienti da Giappone, India e Australia.

Kishida ha sottolineato di essere pronto ad assumere la posizione difensiva molto forte di Tokyo, che gli Stati Uniti hanno accolto con favore da tempo.

Kishida ha detto a PTI che il Giappone avrebbe preso in considerazione varie opzioni per migliorare le sue capacità di difesa, inclusa la capacità di rappresaglia, per segnare un possibile cambiamento nella politica di sicurezza del Giappone.

Il suo budget per la difesa include un “aumento significativo”, ha detto Kishida.

Yoji Koda, ammiraglio in pensione ed ex comandante navale della Marina, ha affermato che il ruolo del Giappone in qualsiasi conflitto con Taiwan consentirebbe agli Stati Uniti di svolgere operazioni statunitensi e proteggere i propri beni.

“Il ruolo del Giappone in questo sarà significativo. Il Giappone è un assistente di quel blocco di sicurezza”, ha affermato.

Tra le crescenti richieste di riforma del consiglio, l’ONU Kishida ha affermato che il Giappone ha sostenuto Biden per diventare un membro permanente del Consiglio di sicurezza. Cina e Russia sono membri permanenti.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Trevor Hannigat; Rapporti aggiuntivi di Kiyoshi Takenaka, Sakura Murakami, Sang-Ron Kim, Nobuhiro Kubo, Daniel Lucink, Contoro Gomia, Ju-Min Park e Tim Kelly; Scritto da Elaine Lies e David Dolan; Montaggio di Robert Bruxelles

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.


Leave a Reply

Your email address will not be published.