Adobe costruisce il muscolo del design collaborativo con un accordo da 20 miliardi di dollari per Figma


Il logo Adobe è visibile su uno smartphone in questa illustrazione scattata il 13 giugno 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

15 settembre (Reuters) – Adobe Inc acquisterà la startup Figma per circa 20 miliardi di dollari nel suo affare più grande mai realizzato, ha affermato giovedì il produttore di Photoshop, un grossista di applicazioni che supportano la collaborazione online nel mezzo di un passaggio globale al lavoro ibrido.

L’accordo in contanti e azioni darà ad Adobe i diritti dell’azienda, la cui piattaforma di collaborazione online per progetti e brainstorming è utilizzata da aziende che vanno da Zoom Video Communications. (MO) Per AirBnB e Coinbase (MONETA.O).

“La combinazione di Adobe e Figma è trasformativa e accelererà la nostra visione per la creatività collaborativa”, ha affermato Shantanu Narayan, amministratore delegato di Adobe in una nota.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Negli ultimi anni Adobe ha affinato la sua attenzione nello spazio degli strumenti di collaborazione attraverso acquisizioni. Ha acquisito la piattaforma di gestione delle attività Workfront nel 2020 e la piattaforma di collaborazione video basata su cloud Frame.io l’anno scorso.

Tuttavia, le azioni sono scese del 13% all’inizio degli scambi. Alcuni analisti hanno indicato l’entità dell’accordo che richiederebbe ad Adobe di aumentare il debito. La società aveva 3,87 miliardi di dollari in contanti e mezzi equivalenti al 2 settembre.

David Wagner, portfolio manager e analista azionario di Aptus Capital Advisors, che possiede una partecipazione dell’1,5% in Adobe, ha dichiarato: “Siamo delusi dal prezzo pagato per la società (Figma).

“Non è un grande segno quando un’azienda sta coprendo le azioni. Non è una soluzione sostenibile”.

Un rapporto della CNBC del mese scorso ha affermato che migliaia di Microsoft (MSFT.O) I dipendenti hanno utilizzato Figma, sottolineando lo stretto rapporto che condividevano con il gigante del software Adobe. La distribuzione su computer che eseguono Windows ha aiutato Adobe a diventare onnipresente e ha consentito alle aziende di sincronizzare i propri prodotti su più piattaforme.

L’accordo dovrebbe concludersi nel 2023 e Figma, con sede a San Francisco, continuerà ad essere guidata dal co-fondatore e amministratore delegato Dylan Field. Entrambe le società devono pagare una tassa di risoluzione di $ 1 miliardo se si rompe l’accordo.

Nel frattempo, la previsione di fatturato di Adobe per il quarto trimestre di $ 4,52 miliardi è stata inferiore alla stima degli analisti di $ 4,58 miliardi, secondo i dati Refinitiv.

Anche l’utile del terzo trimestre è sceso di quasi il 6%, riflettendo l’impatto di un dollaro più forte e costi più elevati.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazioni di Savi Mehta e Dyashi Dutta a Bangalore; Montaggio di Devika Syamnath e Sriraj Kalluvila

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.


Leave a Reply

Your email address will not be published.