Biden spinge la Carolina del Sud a primo stato primario, elevando Georgia e Michigan


Commento

Il presidente Biden ha chiesto ai leader del Comitato nazionale democratico di fare della Carolina del Sud il primo stato primario della nazione, seguito da New Hampshire e Nevada una settimana dopo, e successive primarie settimanali in Georgia e Michigan.

La decisione tettonica di rifare il calendario dei candidati alla presidenza del suo partito per il 2024 ha scioccato i funzionari del partito e i leader statali, che nelle ultime settimane avevano esercitato forti pressioni per un posto nel calendario precedente, che storicamente attira milioni di dollari di spesa e attenzione dei candidati. . Mentre molti nel partito si aspettavano da tempo cambiamenti, l’ordine specifico che Biden ha proposto non ha suscitato alcun clamore nei circoli democratici. Gran parte del discorso tra i Democratici si è concentrato poco sulla Carolina del Sud che va per prima o sulla Georgia che si unisce al mix delle primarie.

Con il sostegno del leader del partito, è probabile che la proposta ottenga l’approvazione dei funzionari del Partito Democratico. Rompendo con decenni di tradizione, la mossa di Biden segnerebbe l’impegno del suo partito a rafforzare la diversità demografica, geografica ed economica nel primo processo di nomina. L’Iowa, uno stato in gran parte bianco che storicamente ha ospitato la prima convention democratica della nazione nel 2020 e ha avuto problemi imbarazzanti nella tabulazione dei risultati nel 2020, non avrà alcun ruolo iniziale nel piano Biden.

In una lettera ai membri del Comitato per le regole e la legislazione pubblicata giovedì sera, Biden ha scritto: “Dobbiamo assicurarci che gli elettori di colore abbiano voce in capitolo nella scelta del nostro candidato molto presto e durante tutta la finestra anticipata per incontrarsi a cena”. nel febbraio 2020, nero, marrone e “Non puoi essere il candidato democratico e vincere le elezioni generali a meno che tu non abbia il sostegno schiacciante degli elettori di colore, che include gli elettori asiatici americani e delle isole del Pacifico”.

Il nuovo calendario attraverserà gli stati che giocheranno un ruolo chiave nella lotta per le nomination del 2020 e nella vittoria delle elezioni generali per Biden, e afferma di essere seriamente intenzionato a dare seguito alle sue dichiarazioni pubbliche sulla richiesta di rielezione. Nella lettera di giovedì, Biden ha detto ai colleghi democratici che non vuole legare la festa allo stesso calendario nel 2028.

“Il Comitato per le norme e i regolamenti dovrebbe rivedere il calendario ogni quattro anni per garantire che continui a riflettere i valori e la diversità del nostro partito e del nostro Paese”, ha scritto.

Il piano dovrebbe incontrare l’opposizione di alcuni degli stati interessati. I democratici del New Hampshire hanno detto giovedì sera che non si piegheranno ai desideri di Biden. Il governatore del New Hampshire Chris Sununu, un repubblicano, ha detto che seguirà la legge statale e terrà le primarie del suo stato una settimana prima rispetto ad altri stati.

Il presidente del Partito Democratico del New Hampshire Ray Buckley ha dichiarato in una dichiarazione: “Il DNC non ha dato al New Hampshire il primo nella nazione, e non spetta a loro portarlo via”. “Questa notizia è ovviamente deludente, ma prima terremo le nostre primarie. Siamo sopravvissuti a tentativi passati per decenni e sopravviveremo a questo.

Sen. Gene Shaheen (DN.H.) ha definito la nomination di Biden “molto deludente”. Sen. Maggie Hassan (DN.H.) ha detto in una dichiarazione che era “profondamente fuorviante”.

Anche i democratici dell’Iowa hanno espresso opposizione al piano. “È solo un suggerimento”, ha detto Scott Brennan, rappresentante dell’Iowa nel Comitato per le regole e i regolamenti. “Ci alzeremo per l’Iowa nel processo”.

I democratici avranno bisogno del sostegno repubblicano in Georgia per spostare il calendario delle primarie dello stato. In Nevada, il mese prossimo entrerà in carica un governatore repubblicano, complicando gli sforzi per cambiare la data in quello stato. Il Partito Repubblicano si è già impegnato nel tradizionale ordine per il 2024, consentendo a quattro stati di andare avanti rispetto a tutti gli altri: Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina.

Nelle regole approvate quest’estate, i Democratici hanno dato al loro presidente la possibilità di rimuovere i delegati, l’accesso al dibattito e l’accesso ai dati dei candidati che fanno campagna elettorale in stati non autorizzati. La leadership ha anche il potere di rimuovere i delegati statali dalla convenzione di nomina se violano le regole del partito.

“È una decisione di principio. Fondamentalmente, ha ritenuto che fosse un’opportunità “, ha detto un consigliere di Biden, che ha parlato a condizione di anonimato e ha descritto più apertamente la decisione del presidente di dare la priorità agli stati con elettorati diversi. “Lo ha fatto con la Corte Suprema. Lo ha fatto con il suo gabinetto e la sua amministrazione. Ha ritenuto che fosse molto importante.

La delegazione del Michigan ha salutato la notizia come un successo.

“Questo presidente sa che qualsiasi strada per la Casa Bianca deve passare attraverso il cuore dell’America”, ha detto la rappresentante Debbie Dingell (D-Mich.), Che ha contribuito a guidare lo sforzo del suo stato. “Per me è stata una ricerca di 30 anni”, ha detto, riferendosi al defunto senatore per ottenere lo stato nel calendario anticipato. Cita il suo lavoro con Carl Levin (D-Mich.).

Anche i Democratici della Carolina del Sud hanno accolto con favore la notizia.

“Sembra che il presidente Biden stia dando una svolta al nostro paese”, ha scritto in un messaggio di testo il presidente del Partito Democratico della Carolina del Sud, Drew Robertson. “Sta cambiando il modo in cui nominiamo i presidenti. Avrà un impatto duraturo sull’America.

Il piano deve essere approvato dal Comitato per le regole e la legislazione, che si riunisce venerdì e sabato in un hotel di Washington, e poi dal Comitato nazionale democratico al completo a febbraio, hanno detto i funzionari democratici.

Nelle ultime settimane, Biden ha parlato in privato con funzionari in Nevada, New Hampshire e Michigan dei suoi piani. I funzionari democratici hanno detto di aver discusso il suo pensiero con i co-presidenti della commissione James Roosevelt Jr. e Minyon Moore mercoledì.

Iniziarono i democratici anziani Assemblea generale a marzo Dopo che gli alti funzionari vicini a Biden hanno chiarito il loro disappunto per i caucus dell’Iowa, lo stato, che ha faticato a contare i risultati nel 2020, ha ignorato la campagna di Biden per discutere la revisione del calendario delle nomine. Le elezioni generali sono diventate meno competitive e si sono svolte in uno stato che non rifletteva la diversità del partito e del paese. I caucus serali nei giorni feriali assicurano anche una partecipazione limitata piuttosto che una partecipazione primaria.

Negli ultimi cicli, l’Iowa è stata la scelta migliore per i Democratici, seguita da New Hampshire, Nevada e South Carolina. L’Iowa terrà la prima convenzione di nomina della nazione secondo l’attuale legge statale. Nella sua lettera alla commissione, Biden ha affermato di non credere che i caucus dovrebbero essere consentiti negli sforzi per la nomina democratica.

I democratici dell’Iowa non hanno detto se andranno avanti con il primo panel della nazione se i repubblicani verranno espulsi dall’ordine di nomina del loro partito. Dopo che il resto del paese si è unito al processo di nomina, possono tenere il comitato di nomina che attualmente intendono tenere per posta.

All’inizio di quest’anno, i dirigenti del partito hanno adottato linee guida per ristrutturare il calendario che danno la priorità agli stati che promettono di tenere primarie, dimostrano competitività elettorale generale e sono demograficamente diversi. Hanno anche fissato l’obiettivo di aggiungere almeno uno stato dal New England, dal sud, dal Midwest e dalle parti occidentali del paese. Ma hanno anche riconosciuto che l’opinione di Biden sarà la chiave della loro decisione finale. Sedici stati e Porto Rico alla fine hanno fornito spiegazioni ai funzionari democratici sul motivo per cui dovrebbero andare così presto nel processo.

I democratici del Michigan affermano di poter spostare la data delle primarie se hanno il pieno controllo del governo statale. I Democratici del Nevada sperano di poter controllare la loro data delle primarie nonostante l’elezione di un nuovo governatore repubblicano il prossimo anno. La decisione ha segnato una battuta d’arresto per i Democratici del Minnesota, che avevano fatto una dura campagna affinché il Michigan fosse il sostituto del Midwest dell’Iowa.

“Sono entrato in politica a causa dei diritti civili e del potenziale per migliorare la nostra unione imperfetta”, ha scritto Biden al gruppo giovedì. “Per cinquant’anni, il primo mese del nostro processo di nomina presidenziale è stato una parte preziosa del nostro processo democratico, ma è tempo di rinnovare il processo per il 21° secolo”.


Leave a Reply

Your email address will not be published.