COP27: il vertice concorda i finanziamenti per il clima per perdite e danni in un accordo chiave



Sharm el Sheikh, Egitto
Cnn

I delegati di quasi 200 contee al vertice sul clima COP27 hanno concordato di istituire un fondo “perdite e danni” per aiutare i paesi vulnerabili ad affrontare i disastri climatici in un accordo storico domenica mattina a Sharm el-Sheikh, in Egitto.

L’accordo plenario della COP27, di cui il fondo fa parte, ha ribadito l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5°C al di sopra dei livelli preindustriali, una richiesta chiave di molti paesi.

Ma mentre l’accordo rappresenta una svolta in un controverso processo negoziale, non rafforza il discorso sulla riduzione delle emissioni di gas serra che riscaldano il pianeta.

Il testo finale non fa menzione della graduale eliminazione dei combustibili fossili, inclusi petrolio e gas.

Nell’accordo finale, paesi e gruppi con lamentele di lunga data, come gli Stati Uniti e l’Unione Europea, hanno concordato di istituire un fondo per i paesi più vulnerabili ai disastri climatici causati dall’inquinamento prodotto in modo sproporzionato dai paesi ricchi e industrializzati.

I negoziatori e le organizzazioni non governative che osservano i colloqui hanno salutato l’istituzione del fondo come un risultato significativo dopo che i paesi in via di sviluppo e le piccole nazioni insulari si sono uniti per aumentare la pressione.

“Gli accordi raggiunti alla COP27 sono una vittoria per tutto il nostro mondo”, ha detto in una nota Molvin Joseph, presidente dell’Alleanza dei piccoli Stati insulari. “Per coloro che si sentono trascurati, ti ascoltiamo, ti vediamo e ti diamo il rispetto e la cura che meriti.”

Il fondo si concentrerà su ciò che può essere fatto per sostenere le risorse per perdite e danni, ma non includerà disposizioni in materia di responsabilità o risarcimento, ha detto alla Galileus Web un alto funzionario dell’amministrazione Biden.

Gli Stati Uniti e altri paesi sviluppati hanno cercato a lungo di evitare tali disposizioni, che potrebbero esporli a responsabilità legali e azioni legali da parte di altri paesi. In precedenti commenti pubblici, l’ambasciatore statunitense per il clima John Kerry ha affermato che la perdita e il danno non sono la stessa cosa della compensazione climatica.

“‘Riparazioni’ non è una parola o un termine usato in questo contesto”, ha detto Kerry in una recente telefonata con i giornalisti all’inizio di questo mese. Ha aggiunto: “Abbiamo sempre affermato che è importante per i paesi sviluppati aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare gli impatti climatici”.

I dettagli su come funzionerà il fondo rimangono oscuri. Lascia molte domande su quando il testo sarà finalizzato e operativo e su come esattamente verrà finanziato. Il testo menziona anche un comitato ad interim per aiutare a chiarire quei dettagli, ma non fissa una scadenza specifica per il futuro.

Mentre i climatologi hanno celebrato la vittoria, hanno notato l’incertezza.

“Questo fondo per perdite e danni sarà un’ancora di salvezza per le famiglie povere le cui case sono state distrutte, gli agricoltori i cui campi sono stati distrutti e gli isolani che sono stati costretti a lasciare le loro case ancestrali”, ha affermato Ani Dasgupta, CEO del World Resources Institute. “Allo stesso tempo, i paesi in via di sviluppo stanno lasciando l’Egitto senza una chiara garanzia di come verranno monitorati i fondi per perdite e danni”.

L’effetto di un fondo quest’anno è arrivato in gran parte perché il gruppo G77 dei paesi in via di sviluppo era unito ed ha esercitato una maggiore influenza su perdite e danni rispetto agli anni precedenti, hanno affermato gli esperti del clima.

“Devono unirsi per forzare la conversazione che stiamo avendo ora”, ha detto ai giornalisti Nisha Krishnan, direttore della resilienza dell’Africa presso il World Resources Institute. “L’alleanza regge a causa di questa convinzione che dobbiamo unirci per portare avanti e spingere la conversazione”.

Per molti, il fondo rappresenta una vittoria combattuta nel corso degli anni, spinta al traguardo attirando l’attenzione globale sui disastri climatici come le devastanti inondazioni del Pakistan di questa estate.

L’ex inviato per il clima degli Stati Uniti Todd Stern ha dichiarato alla CNN “È stato come un grande accumulo. “È in circolazione da un po ‘e sta peggiorando per i paesi vulnerabili perché non sono ancora stati investiti molti soldi. Possiamo vedere gli impatti veramente catastrofici del cambiamento climatico diventare sempre più intensi.

Gli scienziati di tutto il mondo hanno avvertito per decenni che il riscaldamento dovrebbe essere limitato a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali, una cifra che si sta avvicinando rapidamente poiché la temperatura media del pianeta è già salita a 1,1 gradi.

Oltre 1,5 gradi, il rischio di siccità estreme, incendi, inondazioni e carenze alimentari aumenterà drasticamente, hanno affermato gli scienziati in un recente rapporto del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC).

Ma mentre i delegati al vertice hanno confermato l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, gli esperti del clima non hanno fatto menzione dei combustibili fossili o della necessità di eliminarli gradualmente per evitare che le temperature globali aumentino. Come al vertice di Glasgow dello scorso anno, il testo chiede l’eliminazione graduale dell’energia a carbone insostenibile e la “eliminazione graduale dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili”. compresi petrolio e gas.

“L’influenza dell’industria dei combustibili fossili si trova su tutta la linea”, ha dichiarato Lawrence Dubiana, CEO della European Climate Foundation, in una dichiarazione. Questa tendenza potrebbe non continuare negli Emirati Arabi Uniti il ​​prossimo anno.

Sono state intraprese azioni drammatiche per contenere la cifra di 1,5 gradi che ha colpito Glasgow lo scorso anno.

Sabato, i funzionari dell’UE hanno minacciato di ritirarsi dalla riunione se un accordo finale non fosse riuscito a ratificare l’obiettivo di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. In una conferenza stampa attentamente coreografata, lo zar del Green Deal dell’UE Franz Timmermans, circondato da una schiera completa di ministri e altri alti funzionari degli Stati membri dell’UE, ha affermato che “nessun accordo è migliore di un cattivo accordo”.

“Non vogliamo che 1,5 gradi Celsius muoiano qui e ora. Questo è assolutamente inaccettabile per noi”, ha detto.

Oltre all’accordo finale, il vertice ha portato anche una serie di sviluppi significativi, tra cui la ripresa dei negoziati formali sul clima tra Stati Uniti e Cina, i due maggiori produttori mondiali di gas serra.

Dopo che la Cina ha bloccato i colloqui sul clima tra i due paesi quest’estate, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping si sono incontrati la scorsa settimana al vertice del G20 a Bali, aprendo la strada all’inviato statunitense per il clima John Kerry per riprendere le comunicazioni tra Stati Uniti e Cina. . La sua controparte cinese Xie Zhenhua si incontra di nuovo formalmente.

“Anche senza la Cina, anche se gli Stati Uniti si muovono verso il piano di 1,5 gradi, se non abbiamo la Cina, nessun altro può raggiungere questo obiettivo”, ha detto Kerry alla Galileus Web la scorsa settimana.

Le due parti si sono incontrate durante la seconda settimana della COP, cercando di riprendere da dove si erano interrotte prima che la Cina sospendesse i colloqui, secondo una fonte a conoscenza delle discussioni. Si stanno concentrando su punti di azione specifici come migliorare il piano cinese per ridurre le emissioni di metano – un potente gas serra – e il loro obiettivo di emissioni complessive, ha detto la fonte.

A differenza dell’anno scorso, non c’è stato alcun annuncio congiunto sul clima da parte di entrambi i paesi. Ma la ripresa della comunicazione formale è stata vista come un segnale incoraggiante.

Li Shuo, consulente politico globale di Greenpeace per l’Asia orientale con sede a Pechino, ha affermato che la COP “ha visto ampi scambi tra le due parti guidate da Kerry e Xie”.

“La sfida è che devono fare di più che parlare, [and] E per guidare”, ha detto Shuo, aggiungendo che il dialogo formale riavviato “aiuta a prevenire un cattivo esito”.


Leave a Reply

Your email address will not be published.