Gli attacchi di droni ucraini agli aeroporti russi espongono le sue vulnerabilità di difesa aerea


Commento

RIGA, Lettonia – Il presunto attacco dell’Ucraina a un aeroporto all’interno della Russia martedì ha dimostrato ancora una volta la capacità dell’Ucraina di raggiungere il territorio russo un giorno dopo che le sue forze hanno attaccato due basi aeree a centinaia di miglia all’interno della Russia.

Gli attacchi hanno messo in luce importanti vulnerabilità nelle difese aeree della Russia e hanno segnalato a Mosca che le sue risorse strategiche sono lontane da una zona di combattimento attiva e sono vietate all’esercito ucraino.

Le autorità della città russa di Kursk, nel nord dell’Ucraina, hanno dichiarato che martedì un attacco di droni ha incendiato un serbatoio di stoccaggio di petrolio all’aeroporto.

I due aeroporti colpiti dai droni lunedì – la base Engels-2 nella regione di Saratov e la base Dyakhilevo a Ryazan, a poche ore di auto da Mosca – erano bombardieri a reazione in grado di trasportare missili convenzionali usati per colpire le infrastrutture ucraine. Trasporta armi nucleari e generalmente funge da componente chiave del deterrente nucleare strategico della Russia.

L’Ucraina non ha ufficialmente rivendicato la responsabilità degli attacchi ed è stata deliberatamente riservata riguardo al suo ruolo in diverse esplosioni in basi militari russe strategicamente importanti negli ultimi mesi.

Ma un alto funzionario ucraino, parlando a condizione di anonimato per discutere dell’operazione delicata, ha detto martedì al Washington Post che tutti e tre gli attacchi sono stati effettuati da droni ucraini.

“Questi sono droni ucraini – di grande successo, molto efficaci”, ha detto il funzionario degli attacchi. Il funzionario ha aggiunto che i russi hanno “seminato i semi della rabbia e raccoglieranno il turbine”.

Il ministero della Difesa russo ha accusato Kiev degli attacchi di lunedì, ma ha affermato che il danno è stato minimo.

Droni ucraini hanno colpito due basi aeree all’interno della Russia in un attacco sfacciato

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato martedì che “se la Russia giudicherà questi incidenti come attacchi deliberati, saranno considerati i fallimenti strategicamente più significativi della protezione della forza dall’invasione dell’Ucraina”.

Non è chiaro come le forze ucraine abbiano effettuato l’attacco, quali droni siano stati utilizzati e se siano stati lanciati dal territorio ucraino o con l’aiuto di gruppi di operazioni speciali vicini a obiettivi all’interno della Russia. Anche gli esperti militari che hanno monitorato da vicino le operazioni russe sono rimasti sconcertati dal successo dei droni nell’eludere le difese aeree russe.

“La Russia si vanta di essere pronta per un attacco della NATO contro il paese con numerose risorse aeree e munizioni guidate di precisione. Allora, come è potuto accadere?” Samuel Bendet, ricercatore militare presso il CNA Research Group con sede in Virginia, ha dichiarato in un’intervista.

Forse questo indica alcuni problemi più grandi con la difesa aerea russa; “Forse non così sicuro e moderno come pensano”, ha aggiunto Bendet. “Non importa quali mezzi di difesa aerea la Russia abbia in atto, un tale attacco non dovrebbe essere possibile.

L’esercito russo ha affermato che l’Ucraina ha utilizzato un veicolo aereo senza pilota “prodotto in epoca sovietica”. Alexander Kotz, capo corrispondente militare del quotidiano amico del Cremlino Komsomolskaya Pravda, ha detto che l’aeroporto di Engels è stato attaccato da un drone sovietico Tu-141 Strish, che utilizza la tecnologia degli anni ’70.

“Se il radar russo e le difese aeree non possono sconfiggere il Tu-141, volando a centinaia di miglia dalla sua base aerea principale per colpire un sistema di combattimento, non è di buon auspicio per la sua capacità di fermare un massiccio attacco di missili da crociera”, ha detto. Rob Lee Tweet, esperto militare russo e senior fellow presso l’Institute for Foreign Policy Research.

L’Ucraina ha ancora alcuni Tu-141 in deposito e potrebbe aver migliorato la sua capacità di viaggi di sola andata, ha affermato Bendet.

Ma gli attacchi hanno anche attirato l’attenzione sul programma di droni dell’Ucraina e sui recenti sforzi per sviluppare i propri UAV da combattimento a lungo raggio.

Il mese scorso il produttore di armi statale ucraino Ukroboronprom ha rivelato che stava testando un nuovo drone d’attacco con una portata di 1.000 km (621 miglia) e un peso di 75 kg (165 libbre). “La prossima fase dei test UAV – A nome dei capi di stato maggiore, ci stiamo preparando per i test di volo sotto Electronic Warfare”, ha dichiarato la società in un post su Facebook. Posta nov. 24.

Non ci sono prove che il nuovo drone sia stato utilizzato negli attacchi, ma Bendet afferma che potrebbe essere più avanzato di un drone dell’era sovietica.

“I russi vogliono minimizzare il record della difesa ucraina, quindi dicono di aver ricreato un vecchio clunker o progetto. Ma avrebbe potuto essere qualcos’altro, qualcosa di più sofisticato”, ha detto.

I funzionari occidentali hanno detto martedì che se l’Ucraina avesse effettivamente sviluppato la capacità di colpire così lontano la Russia, ciò sarebbe motivo di profonda preoccupazione per i russi. Un attacco alla base Engels era particolarmente importante perché avrebbe disperso i bombardieri a lungo raggio russi di stanza lì.

“Sicuramente mina la fiducia dei russi che ovunque sia sicuro. Psicologicamente è un duro colpo”, ha detto un funzionario occidentale, parlando a condizione di anonimato per discutere questioni delicate.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente fatto riferimento al vasto arsenale nucleare del suo paese e ha minacciato velatamente di essere pronto a prendere misure drastiche per impedire ai paesi occidentali di entrare in guerra o per vendicarsi se l’Ucraina prende di mira le infrastrutture critiche all’interno della Russia. La vulnerabilità dei siti strategici alla relativamente semplice tecnologia dei droni può cambiare il modo in cui i leader occidentali percepiscono queste minacce.

Oltre a segnalare attacchi aeroportuali legati alla deterrenza nucleare della Russia, gli attacchi potrebbero avere conseguenze immediate per la strategia di Mosca sul campo di battaglia in Ucraina.

“In senso pratico, questo è un problema serio e immediato per il ministero della Difesa russo”, ha detto in una videoconferenza quotidiana Ruslan Leviv, analista della Conflict Investigation Agency. “È solo che hanno bisogno di installare più sistemi di difesa aerea, ma il problema che Russia e Ucraina devono affrontare è che ne hanno un numero limitato”.

Leviv ha ricordato i rapporti secondo cui Mosca aveva trasferito alcuni sistemi di difesa precedentemente forniti alla Siria per aiutare a coprire le forze lungo la linea del fronte russa lunga quasi mille miglia.

“Anche gli aeroporti remoti in Russia, dove non ce ne sono uno o due, non hanno sistemi di sicurezza aggiuntivi, sono semplicemente pericolosi”, ha detto Leviev. “Quindi o lasci le tue basi vulnerabili o sposti alcuni sistemi di difesa aerea dalla prima linea, ed entrambe le opzioni sono pessime”.

Ore dopo l’attacco di lunedì, Mosca ha lanciato un’ottava ondata di massicci attacchi missilistici contro l’Ucraina, apparentemente volti a privare il paese di calore ed elettricità in condizioni di freddo pungente.

È fuggita dall’occupazione russa in barca. Pochi istanti dopo, è stata colpita.

Parlando ai giornalisti a Washington martedì, il segretario di Stato Anthony Blinken ha osservato che i civili ucraini sono costantemente attaccati dalle forze russe, così come la rete energetica ucraina. Alla domanda se pensasse che gli attacchi ucraini all’interno della Russia fossero moralmente giustificati, Blinken ha detto che gli Stati Uniti “non incoraggiano né consentono” attacchi all’interno del territorio russo.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha detto ai giornalisti: “Non stiamo fornendo armi all’Ucraina per l’uso all’interno della Russia. Era chiaro che si trattava di oggetti difensivi. Ha continuato: “Non permetteremo che l’Ucraina venga attaccata oltre i suoi confini. Non incoraggiamo l’Ucraina ad attaccare oltre i suoi confini.

Alla domanda nella stessa conferenza stampa se gli Stati Uniti stessero agendo per dissuadere l’Ucraina dall’invasione della Russia, il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha detto: “No. Assolutamente no”.

Missy Ryan e Karen Deung a Washington e Liz Sly a Londra hanno contribuito a questo rapporto.


Leave a Reply

Your email address will not be published.