Il ghiacciaio alpino si rompe, uccidendo almeno 6 escursionisti


Roma — Un grosso pezzo di un ghiacciaio alpino si è staccato ed è precipitato giù da una montagna in Italia domenica, uccidendo almeno sei persone e ferendone altre nove, hanno detto le autorità, facendo cadere ghiaccio, neve e rocce sugli escursionisti su un percorso popolare. Andiamo avanti.

Il funzionario locale della protezione civile, Gianpaolo Potacin, è stato citato dall’agenzia di stampa italiana ANSA dicendo che la situazione è “in evoluzione” e che potrebbero essere 15 le persone disperse.

In serata il Nucleo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico ha twittato un numero di telefono per chiamare i familiari o gli amici che “non tornano da possibili escursioni” sul ghiacciaio.

I soccorritori stavano controllando le targhe nel parcheggio come parte dei test per determinare quante persone potrebbero essere disperse, un processo che potrebbe richiedere diverse ore, ha detto al telefono il portavoce del corpo Walter Milan all’Associated Press.

Il ghiacciaio della Marmolada è il più grande delle Dolomiti dell’Italia nord-orientale ed è il luogo in cui si scia in inverno. Ma il ghiacciaio si è sciolto rapidamente negli ultimi anni.

Gli esperti del centro di ricerca statale italiano del CNR, che ospita l’Istituto di scienze polari, affermano che il ghiacciaio potrebbe non esistere nei prossimi 25-30 anni e le sue dimensioni sono già scomparse.

Il bacino del Mediterraneo, condiviso dall’Europa meridionale, dal Medio Oriente e dal Nord Africa, è stato identificato dagli esperti delle Nazioni Unite come un “punto caldo del cambiamento climatico”, che potrebbe portare, tra le altre conseguenze, a ondate di calore e scarsità d’acqua.

“Abbiamo visto morti (persone) e ghiaccio massiccio, rocce”, ha detto alla televisione di stato italiana il soccorritore esausto Luigi Pelicetti.

La nazionalità o l’età dei morti non erano immediatamente disponibili, ha detto Milan.

I funzionari hanno detto che due dei sopravvissuti erano in condizioni critiche in ospedale.

La valanga in rapido movimento “è caduta con un ruggito, udibile a grandi distanze”, ha riferito il sito di media online locale ildolomiti.it.

Temporaneamente, ricerca in elicottero e il caneLe ricerche di altre vittime o dispersi sono state interrotte durante la notte mentre i soccorritori hanno valutato il rischio di rottura di più ghiacciai, ha detto alla televisione di stato Walter Keinelli, che ha guidato i soccorsi con un cane da ricerca.

I soccorritori hanno detto che il ghiaccio ha continuato a scivolare. La sera ha cominciato a piovere leggermente.

Il servizio di spedizione Suem, con sede nella vicina regione del Veneto, ha dichiarato che 18 persone al di sopra dell’area valanghe sarebbero state evacuate dai soccorritori alpini.

Secondo i servizi di emergenza locali, alcuni degli escursionisti sono stati legati insieme da funi nell’area delle valanghe.

Ma Milano ha detto che alcuni escursionisti sono in grado di scendere da soli, anche utilizzando la funivia della vetta.

SUEM ha affermato che la valanga ha comportato “scarico di neve, ghiaccio e rocce”. L’area separata è nota come seracco o picco di neve.

Conosciuta come la “Regina delle Dolomiti”, la Marmolada sorge a un’altitudine di circa 3.300 metri (circa 11.000 piedi), la più alta delle 18 vette della catena orientale delle Alpi italiane, e offre viste spettacolari sulle altre vette alpine.

Il Soccorso alpino ha detto in un tweet che l’area si era interrotta nei pressi di Punta Rocca (Rock Point) “sull’itinerario normalmente utilizzato per raggiungere la vetta”.

Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato la rottura della sezione di ghiaccio e la precipitazione lungo il pendio della vetta. Ma la forte ondata di caldo che attanaglia l’Italia da fine giugno era un possibile fattore.

“Le temperature di questi giorni hanno chiaramente influito sul parziale crollo del ghiacciaio”, ha detto a Sky TG24 Maurizio Fugatti, capo della provincia di Trento, che confina con la Marmolada.

Ma il Milan ha insistito sul fatto che le temperature, che negli ultimi giorni erano salite al di sopra dei 10 °C (50 °F) insolitamente alte al picco della Marmolada, fossero un possibile fattore nella tragedia di domenica.

“Ci sono molti fattori coinvolti”, ha detto Milan. Le valanghe sono generalmente imprevedibili e l’effetto del calore sul ghiacciaio è “ancora impossibile da prevedere”, ha affermato.

In commenti separati alla televisione di stato italiana, Milano ha definito le recenti temperature “troppo calde” per il picco. “Chiaramente questo è qualcosa di insolito.”

Secondo i soccorsi, i feriti sono stati trasportati in aereo in diversi ospedali del Trentino-Alto Adige e del Veneto.

Come per altri casi di calamità naturali in Italia, i pubblici ministeri hanno avviato un’indagine per vedere se ci sono segni di possibili illeciti legati alla valanga.


Leave a Reply

Your email address will not be published.