La Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi di interesse al 2,25%


Il mese scorso, la banca ha previsto che l’economia si sarebbe indebolita per tutto il prossimo anno poiché i redditi delle famiglie sarebbero stati notevolmente compressi dall’elevata inflazione, che potrebbe far precipitare il paese nella sua recessione più lunga dalla crisi finanziaria del 2008. Non ne ha offerto nessuno giovedì. Aggiorna questa prospettiva alla luce delle politiche energetiche e dei piani fiscali del governo, che secondo loro potrebbero avere un impatto “materiale” sulle prospettive economiche del paese.

I politici che hanno votato per l’aumento del tasso di mezzo punto, incluso il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey, hanno sostenuto che un mercato del lavoro rigido, più persone del previsto erano disoccupate e sottoccupate e che la crescita salariale era in corso. al di sopra di livelli coerenti con l’obiettivo di inflazione della Banca Garantiva “ulteriori, più forti” aumenti delle tariffe. Un blocco delle bollette energetiche delle famiglie significa che la domanda sarà più alta di quanto previsto in precedenza, hanno affermato, aggiungendo che il blocco da solo potrebbe non essere sufficiente a smorzare le aspettative di una maggiore inflazione.

Tutti e tre i membri che hanno votato per un aumento di tre quarti di punto hanno affermato di voler ridurre il rischio di un “ciclo di stretta più esteso e costoso”, sostenendo che esistevano già pressioni inflazionistiche più persistenti e che le aspettative per futuri aumenti dei prezzi erano elevate. .

Un nuovo membro del comitato, Swati Dhingra, professoressa di economia presso la London School of Economics, ha votato contro l’aumento di un quarto di punto al suo primo incontro, ritenendo che alcuni degli effetti dell’elevata inflazione, come i prezzi dei servizi, avrebbero dissolvenza. Ma ha riconosciuto che le pressioni della domanda potrebbero aumentare, compresi i cambiamenti previsti nella politica fiscale.

Le politiche, per le quali il governo non ha ancora fornito stime ufficiali dei costi, dovrebbero aumentare notevolmente la quantità di obbligazioni che il governo deve vendere per raccogliere fondi per sovvenzionare le bollette energetiche di case e aziende. L’Office for Budget Responsibility, un organismo di vigilanza indipendente, ha affermato che le misure “aumenteranno notevolmente il debito” nei prossimi sei mesi.

I politici della Banca d’Inghilterra hanno deciso all’unanimità di ricominciare a vendere titoli di Stato sul mercato, aumentando l’offerta di debito britannico agli investitori privati. Nei prossimi 12 mesi, la banca ridurrà le sue partecipazioni da 80 miliardi di sterline a 758 miliardi di sterline attraverso la vendita e il rimborso di obbligazioni. La banca ha affermato che ci sarebbe un’alta barriera per cambiare lo schema.

“Tuttavia, la Banca d’Inghilterra può solo mantenere un ritmo relativamente graduale di aumento dei tassi di interesse”, ha affermato Mr. Koopman ha scritto: “Se Truss e il suo team riusciranno a convincere i mercati che ha un piano su come riuscirà a bilanciare la spesa pubblica.


Leave a Reply

Your email address will not be published.