La Corte Suprema approva la consegna delle dichiarazioni dei redditi di Trump al Congresso


WASHINGTON (AP) – Martedì la Corte Suprema ha consentito l’immediata estradizione dell’ex presidente Donald Trump. Rapporti fiscali alla commissione del Congresso dopo tre anni di battaglia legale.

Il tribunale ha respinto la richiesta di Trump di un’ordinanza per impedire al Dipartimento del Tesoro di rilasciare sei anni di dichiarazioni dei redditi per Trump e alcune delle sue attività all’House Ways and Means Committee controllato dai democratici, senza specifico dissenso.

Unico tra i recenti presidenti, Trump ha rifiutato di rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi durante la sua campagna di successo del 2016 o durante i suoi quattro anni alla Casa Bianca, citando quello che ha detto essere un audit in corso da parte dell’IRS. La scorsa settimana, Trump ha annunciato che si sarebbe candidato di nuovo nel 2024.

Si tratta della seconda sconfitta dell’ex presidente alla Corte Suprema negli ultimi mesi e della terza quest’anno. A ottobre, un tribunale ha rifiutato di avviare una battaglia legale relativa a una perquisizione dell’FBI nella tenuta di Trump in Florida. Al suo interno sono stati trovati documenti segreti.

Il tribunale ha anche rifiutato di impedire agli archivi nazionali di consegnare documenti a un comitato della Camera che indaga sulla rivolta del 6 gennaio al Campidoglio. Solo il giudice Clarence Thomas ha votato a favore di Trump.

In una disputa sulle dichiarazioni dei redditi di Trump mentre era presidente, il Dipartimento del Tesoro ha rifiutato di rilasciare documenti. Ma l’amministrazione Biden ha affermato che la legge federale è chiara sul fatto che la commissione ha il diritto di esaminare il reddito di qualsiasi contribuente, compreso il presidente.

I tribunali di grado inferiore hanno convenuto che il panel ha un’ampia autorità per ottenere le dichiarazioni dei redditi e hanno respinto le affermazioni di Trump secondo cui era eccessivo e richiedeva solo di rendere pubblici i documenti.

Il giudice capo John Roberts il 1° novembre ha imposto una sospensione temporanea per consentire alla corte di soppesare le questioni legali sollevate dagli avvocati di Trump e le controargomentazioni dell’amministrazione e della Camera dei rappresentanti.

Tre settimane dopo, il tribunale ha annullato l’ordine di Roberts senza commenti.

Il rappresentante Richard Neal, D-Mass., Presidente del comitato fino all’inizio del prossimo Congresso a gennaio, ha dichiarato in una dichiarazione che il suo gruppo “condurrà ora la supervisione che abbiamo desiderato negli ultimi tre anni e mezzo”.

In un messaggio sulla sua rete di social media, Trump ha affermato che l’azione della Corte Suprema ha creato un “terribile precedente per i futuri presidenti”. Ha accusato il tribunale “diventato un’istituzione politica e il nostro Paese ne sta pagando il prezzo”.

E, “Perché qualcuno dovrebbe essere sorpreso che la Corte Suprema si sia pronunciata contro di me, lo fanno sempre!”

La Camera ha sostenuto che l’ordine che impedisce all’IRS di rilasciare dichiarazioni dei redditi darebbe ai legislatori “poco o nessun tempo per completare il loro lavoro legislativo durante questo Congresso, che si sta rapidamente avvicinando alla fine”.

Se Trump avesse convinto la Corte Suprema della nazione a intervenire, avrebbe potuto far scorrere il tempo sul comitato mentre i repubblicani sembrano pronti a prendere il controllo della Camera a gennaio. Se il problema non viene risolto per allora, abbandoneranno sicuramente la richiesta di registrazione.

Il comitato House Ways and Means ha richiesto per la prima volta le dichiarazioni dei redditi di Trump nel 2019 come parte di un programma di audit dell’Internal Revenue Service e di un’indagine sulla conformità alla legge fiscale dell’ex presidente. Una legge federale afferma che l’Internal Revenue Service può “rilasciare” il reddito di qualsiasi contribuente ad alcuni importanti legislatori.

Sotto l’amministrazione Trump, il Dipartimento di Giustizia ha appoggiato la decisione dell’allora segretario al Tesoro Steven Mnuchin di trattenere le dichiarazioni dei redditi dal Congresso. Mnuchin ha sostenuto di poter trattenere i documenti perché ha deciso che i documenti erano ricercati dai Democratici per ragioni di parte. Ne seguì una causa.

Dopo che il presidente Joe Biden si è insediato, il comitato ha rinnovato la richiesta chiedendo le dichiarazioni dei redditi di Trump dal 2015 al 2020 e ulteriori informazioni. La Casa Bianca ha ritenuto che la richiesta fosse valida e che il Dipartimento del Tesoro non avesse altra scelta che accondiscendere. Trump in seguito ha cercato di fermare l’estradizione in tribunale.

L’allora procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance Jr. ha ottenuto copie dei documenti fiscali personali e aziendali di Trump come parte dell’indagine penale. Quel caso è andato anche alla Corte Suprema, che ha respinto l’argomento di Trump secondo cui gode di un’ampia immunità come presidente.


Leave a Reply

Your email address will not be published.