La Russia afferma di avere ancora un obiettivo di guerra limitato per liberare il Donbass


  • I militari affermano che l’attenzione è concentrata sulla parte orientale del paese
  • La Russia afferma che la capacità di combattimento dell’Ucraina è stata “significativamente ridotta”
  • La Russia afferma che 1.351 soldati sono morti, mentre l’Ucraina afferma che il numero effettivo è più alto

LONDRA, 25 marzo (Reuters) – La Russia ha dichiarato venerdì di aver completato la prima fase della sua operazione militare, concentrandosi sulla misurazione dei suoi obiettivi di guerra e concentrandosi sulla completa “liberazione” dell’isolata regione orientale del Donbass in Ucraina.

Dopo aver affrontato la feroce opposizione ucraina in una guerra durata un mese, è apparso l’annuncio che Mosca potrebbe spostarsi verso obiettivi più limitati.

Il ministero della Difesa afferma che il 93% della regione ucraina di Luhansk e il 54% della regione di Donetsk sono ora controllati da separatisti filorussi. Insieme formano il Donbass.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Gli obiettivi principali della prima fase dell’operazione sono stati generalmente raggiunti”, ha affermato Sergei Rutskoy, presidente della direzione generale delle operazioni del servizio pubblico russo.

“La capacità di combattimento delle forze armate ucraine è stata notevolmente ridotta, il che … consente di concentrare i nostri sforzi principali sul raggiungimento della liberazione del Donbass, l’obiettivo principale”.

Una fonte diplomatica di alto livello a Mosca ha descritto la mossa come una mossa che salva la faccia e un possibile preludio all’adesione della Russia. Le sue forze sono rimaste intrappolate dall’invasione dell’Ucraina da nord, est e sud il 24 febbraio e non sono state in grado di catturare nessuna grande città.

“I loro obiettivi di combattimento erano molto più ampi del Donbass, quindi la loro forza era divisa da attacchi mal coordinati da parte di truppe impreparate su più fronti”, ha affermato la fonte.

“Non vedo l’ora di avere l’opportunità di concentrarmi di nuovo sul Donbass, ma abbiamo bisogno di vedere più prove sul campo quando la retorica di Putin sarà al culmine”.

‘Militarizzazione e sabotaggio’

Il presidente Vladimir Putin ha affermato che le forze russe sono impegnate in operazioni speciali per militarizzare e “distruggere” l’Ucraina.

L’Occidente e Kiev lo chiamano un falso pretesto per occupare una democrazia, sostenendo che il suo vero obiettivo è rovesciare il governo.

La Russia ha chiesto all’Ucraina di accettare la perdita della Crimea, che è stata conquistata dalla Russia nel 2014, e di riconoscere il Donbass, che ha combattuto i separatisti filo-russi con l’esercito ucraino negli ultimi otto anni, come stato indipendente.

L’Ucraina si dice pronta a negoziare per porre fine alla guerra, ma non si arrenderà né si inchinerà agli avvertimenti finali.

Rudskoi ha affermato che l’esercito russo considera il suo controllo limitato al Donbass, ma ha deciso di costruire forze in tutta l’Ucraina per evitare che le sue infrastrutture militari vengano danneggiate e rafforzi l’est.

La Russia non ha escluso di attaccare le città, ma ha affermato che dopo aver completato la sua missione militare, “le nostre forze e risorse saranno l’obiettivo principale: la completa liberazione del Donbass”.

Rutskoy ha detto che 1.351 soldati russi sono stati uccisi e 3.825 feriti nell’operazione. L’esercito ucraino afferma che circa 15.000 soldati russi sono stati uccisi nella guerra. Per saperne di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Mark Trevelyan a Londra e Alexander Winning a Johannesburg; Montaggio di Andrew Cowthorn

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.


Leave a Reply

Your email address will not be published.