Le bare reali, come quella della regina Elisabetta, sono rivestite di piombo. Ecco perché


Lunedì il tortuoso viaggio finale della regina Elisabetta II dall’Abbazia di Westminster a Wellington Arch al Castello di Windsor ha avuto un pesante tributo sugli otto portatori di bara che trasportavano la sua bara, che era in parte rivestita di piombo.

La tradizione risale a secoli fa e iniziò come una considerazione pratica: i corpi dei re morti avrebbero aiutato a rimanere incontaminati, soprattutto prima delle moderne tecniche di conservazione.

La regina Elisabetta II viene sepolta dopo uno storico funerale di stato

Come materiale nelle bare, “il piombo aiuta a prevenire l’umidità, preservare il corpo più a lungo e prevenire la fuoriuscita di odori e tossine”, ha affermato Julie Ann Taddeo, ricercatrice di storia presso l’Università del Maryland. “La sua bara è stata in mostra per diversi giorni e ha fatto il lungo viaggio verso la sua destinazione finale”.

Taddeo ha notato che il peso extra ha creato la necessità di otto portatori di bara invece dei soliti sei.

I soldati trasportano le bare dei monarchi britannici morti in seguito a un incidente nel 1901 quando i cavalli del carro della regina Vittoria furono spaventati e la sua bara sparse per la strada. Anche Winston Churchill, che lunedì ha ricevuto l’ultimo funerale di stato in Gran Bretagna prima di quello di Elizabeth, aveva una bara di piombo. Era così pesante che è scivolato dalle spalle di alcuni coltivatori quando è stato sospeso su alcuni gradini, ha detto Lincoln Perkins alla BBC. Quando cadde sui due “spingitori” dietro la bara per impedirne la caduta, Perkins gridò al cadavere: “Non preoccuparti, signore, ci prenderemo cura di te”.

La bara della regina Elisabetta II ha viaggiato da Westminster Hall a Wellington Arch e la sua destinazione finale, il Castello di Windsor, per il suo funerale di stato il 19 settembre. (Video: Alexa Juliana Art/The Washington Post)

“Potresti letteralmente sentirlo scivolare via dalle spalle”, ha detto Perkins. “Se lo avessimo deluso… non so cosa sarebbe stato, molto imbarazzante, ma non lo sapevamo”.

La regina Elisabetta II, che ha governato l’Inghilterra per 70 anni, è morta all’età di 96 anni.

La bara di Elisabetta è stata sepolta lunedì sera in una cripta nella Cappella commemorativa di Re Giorgio VI, parte della Cappella di San Giorgio al Castello di Windsor. Riposa accanto ai suoi genitori, alla sorella e al marito, il principe Filippo, morto l’anno scorso.

Le misure di conservazione ricordano quelle utilizzate dagli antichi egizi di alto rango, che venivano collocati in camere piuttosto che sepolti nel terreno e i loro corpi erano perfettamente conservati. E spesso gli antichi ricchi egizi è stato seppellito Dadio ha detto che la regina è stata sepolta con gioielli, sculture e altri oggetti, tra cui una fede nuziale in oro gallese e un paio di orecchini di perle.

Tale austerità significava che Elisabetta, che era nota per abbracciare l’austerità e la semplicità, fu sepolta con meno possedimenti di alcuni dei suoi predecessori; La regina Vittoria è stata sepolta con la vestaglia del marito e un calco del suo braccio, oltre a una ciocca di capelli e una foto della sua serva preferita, con la quale si diceva avesse una relazione, ha detto Taddeo. Il globo, lo scettro e la corona di Elisabetta – composta da quasi 3.000 diamanti e dozzine di altri gioielli – furono presi dalla cima della sua bara e posti su un altare dove fu sepolta.

Più di 250.000 persone si sono schierate per la bara della regina Elisabetta II

L’uso del piombo nelle bare era una “tradizione reale di lunga data”, ha affermato Mike Parker Pearson, professore all’Institute of Archaeology dell’University College London. Il corpo imbalsamato del re Edoardo I, morto nel 1307, fu scoperto nel 1774 ben conservato nel suo sarcofago di marmo nell’Abbazia di Westminster. Pearson aggiunge che la pratica dell’uso del piombo fu adottata al momento della morte di Edward o nel secolo successivo.

I re precedenti non erano imbalsamati, ha detto. Il cadavere di Guglielmo il Conquistatore, morto nel 1087, era così gravemente decomposto che il suo stomaco gonfio esplose quando i sacerdoti “tentarono di mettere il suo corpo in una bara di pietra”, ha detto Pearson. “Le persone in lutto sono corse verso la porta per sfuggire al fetore putrido.”

Le “viscere gonfie di William esplosero e un fetore intollerabile assaliva le narici degli astanti e dell’intera folla”. Secondo il monaco benedettino Arteric Vitalis Descritto l’Inghilterra anglo-normanna.


Leave a Reply

Your email address will not be published.