Notizie sulle elezioni primarie: gare chiave e aggiornamenti in tempo reale


Per sua stessa ammissione, Adam Hollier non è il tipo di ragazzo con cui vuoi bere birra.

“Ricordi quando George W. Bush correva ed eri tipo, ‘È il tipo di ragazzo con cui vuoi bere una birra?’”, mi ha detto, spiegando il suo personaggio. “Nessuno vuole bere birra con me.”

Perché no, ho chiesto?

“Non sto scherzando”, ha detto. “Sono l’amico che chiami per spostare un letto pesante. Sono l’amico che chiami quando sei bloccato sul ciglio della strada. Giusto? Sono l’amico che chiami quando hai bisogno di un autista designato.

Se non l’avevo capito la prima volta, lo ripeteva: “Non sono divertente”.

Hollier, 36 anni, candidato democratico per un seggio alla Camera nel 13° distretto congressuale del Michigan, recentemente ridisegnato, che comprende Detroit e Hamtramck, è un vortice di moto perpetuo. Capitano e paracadutista nelle riserve dell’esercito, ha corso su pista e ha giocato in sicurezza alla Cornell University nonostante fosse alto 5 piedi-9. Dopo una borsa di studio con AmeriCorps, ha conseguito una laurea in pianificazione urbana presso l’Università del Michigan.

Il fratello di Hollier, 11 anni più grande, è 6 piedi-5. Sua sorella maggiore, che ha frequentato l’Università del Michigan con una borsa di studio per basket e pallanuoto, è un’investigatrice federale per il servizio postale degli Stati Uniti.

“Sono cresciuto in una casa di talento. E non ne ho molto,” disse Hollier con autoironia. “La mia sorellina è una musicista e cantante incredibile, sai, ha fatto tutte queste cose. Non posso fare a meno di battere le mani quando suona.

Hollier è in corsa – quando ho parlato con lei, ha detto che lo stava facendo per lasciare le sue figlie all’asilo nido – per la rappresentante Brenda Lawrence, una deputata di quattro mandati che ha annunciato il suo ritiro all’inizio di quest’anno.

Il suo distretto era uno dei più pesantemente manipolati della nazione, serpeggiando a nord dello stato da Pontiac nel nord-ovest fino al nord di Detroit, prima di ridisegnare i confini che erano ampiamente visti come inclinati in modo sproporzionato verso i repubblicani. Un sobborgo di Grosse Pointe sul lago St. Clair, poi a sud del fiume verso i fiumi Rouge e Dearborn.

Sfidando le probabilità, Hollier si è guadagnata approvazione dopo approvazione facendo ciò che ha sempre fatto: superando tutti gli altri.

Inizialmente, Lawrence ha appoggiato Portia Roberson, un avvocato e leader senza scopo di lucro di Detroit, ma non è riuscita a guadagnare terreno. A marzo, il Legacy Committee for Unified Leadership, una coalizione locale di leader neri guidata dal dirigente della contea di Wayne Warren Evans, ha invece sostenuto Hollier.

A fine giugno, Così ha fatto il sindaco della città, Mike Duggan. Il senatore di stato Mallory McMorrow, un collega genitore e A La nuova popolarità politica, May lo ha sostenuto. Un video che annuncia la sua approvazione mostra Hollier che indossa un giubbotto neon e spinge un passeggino doppio da jogging.

Il principale oppositore di Hollier alle primarie democratiche è Sri Thanedar, un legislatore statale autofinanziato che in precedenza si era candidato alla carica di governatore nel 2018 ed è arrivato terzo alle primarie del partito dietro Gretchen Whitmer e Abdul El-Sayed. La sua biografia, “La valigia blu: tragedia e trionfo nella vita degli immigrati” Scritto originariamente in marathi, racconta la storia della sua ascesa al successo come imprenditore in America da un ambiente di bassa casta in India.

Un ricco ex ingegnere, Thanedar ora possiede Avomean Analytical Services, un laboratorio di analisi chimiche ad Ann Arbor. Finora ha speso almeno 8 milioni di dollari dei suoi soldi per la gara, secondo i rapporti finanziari della campagna.

I gruppi filo-israeliani, preoccupati per la sua posizione sul conflitto israelo-palestinese, hanno sostenuto Hollier, così come i gruppi di veterani e due super PAC sostenuti da donatori di criptovalute. La spesa esterna ha consentito a Hollier di coprire i costi pubblicitari televisivi di Thanedar, riducendo i propri costi.

Il figlio di un pompiere non può diventare un pompiere

Hollier, figlio di un assistente sociale e di un vigile del fuoco, ricorda che suo padre lo fece sedere quando aveva 8 anni e gli disse di non seguire mai le sue orme.

Alla domanda sul perché, ha risposto: “Non hai una sana paura che ti porta a casa la notte”.

Il commento ha sbalordito il giovane Hollier, che vede suo padre, che dirigeva la squadra di risposta ai materiali pericolosi dei vigili del fuoco di Detroit e si è ritirato da capitano dopo quasi 30 anni di servizio, come il suo supereroe personale.

“Quella è stata un’esperienza diversa”, ha detto Hollier. “Perché, sai, nel Career Day, niente batte un pompiere tranne un astronauta. Il padre di ogni bambino è il loro eroe, ma mio padre, sai, oggettivamente” — OggettivamenteHa ripetuto con enfasi sulla parola “in quel luogo”.

Quando aveva 10 anni, convinse suo padre a portarlo alla Million Man March a Washington nel 1995, una manifestazione sul National Mall volta a mettere in luce le sfide dell’essere nero e maschio in America. Sono andati in cima al Monumento a Washington, dove il giovane Adam ha insistito per scattare una foto per avere un’idea più precisa delle dimensioni della folla.

Ha detto che i suoi genitori non erano “tutto quello” politico – osserva che quando Martin Luther King Jr. visitò Detroit poco prima del suo famoso discorso “I Have a Dream”, suo padre andò invece a una partita di baseball.

Anni dopo, Hollier ammette timidamente, si è ribellato a suo padre, diventando un vigile del fuoco volontario al college.

debito…Di Emily Elkonin per il New York Times

I primi interessi per la politica

Hollier è stato un animale politico sin dalla tenera età, ammette.

“So che è comune dire che non avrebbero mai pensato di candidarsi, ma ho sempre saputo di sì, giusto?” Egli ha detto. “Sono sempre stato coinvolto”.

Ad esempio, lo stesso giorno a Washington, ha incontrato Dennis Archer, allora sindaco di Detroit, che gli ha detto che un giorno avrebbe “pensato a quello che sto facendo”, un’esperienza difficile per un bambino di 10 anni. Vincendo la sua prima gara per la carica di presidente del consiglio studentesco al liceo, ha preso a cuore il consiglio.

Il primo lavoro ufficiale di Hollier in politica è stato nel 2004 come assistente del senatore dello stato ora in pensione Buzz Thomas, che considera il suo mentore politico. Hollier ha perso una corsa per la Camera di Stato nel 2014 contro l’allora in carica Rose Marie Robinson. Nel 2018 è stato eletto al Senato dello Stato, dove ha lavorato alla riforma dell’assicurazione auto e all’eliminazione dei gasdotti.

Ma il risultato di cui è più orgoglioso è la sua spinta a salvare posti di lavoro nel suo distretto dopo che la General Motors ha chiuso uno stabilimento ad Hamtramck dopo il suo insediamento. In preda al panico, chiamò Archer, che gli diede un elenco di 10 cose che doveva fare immediatamente.

Uno degli elementi in cima alla lista di Archer era l’ex senatore Carl Levin, un amico di lunga data dei sindacati che si è recentemente ritirato e che non aveva mai incontrato.

Non accettare che GM chiuderà l’impianto, gli disse Levine mentre parlavano.

“Non produrranno i veicoli che stanno costruendo lì ora”, ha raccontato Hollier dicendo a Levine. “Ma stai lottando per la prossima linea di prodotti.”

Hollier ha preso a cuore quel consiglio e ha lavorato con una coalizione di altri per guidare GM verso una soluzione diversa. Il sito è ormai noto Fabbrica zeroIl primo stabilimento dell’azienda è stato interamente dedicato ai veicoli elettrici.

Motivazioni e pietre miliari

Se Hollier perde, il Michigan non avrà membri neri del Congresso per la prima volta in sette decenni.

Quando gli chiedo cosa significhi per lui, si lancia in un discorso emozionante su quanto sia importante per i neri americani, in particolare i giovani uomini di colore, avere modelli positivi. Sospetto che abbia dato una qualche versione della politica per tutta la sua vita.

Cresciuto nel nord di Detroit, Hollier si imbatteva spesso nel suo stesso rappresentante, John Conyers, il membro afroamericano più longevo del Congresso. Conyers, chi Morto nel 2019 all’età di 90 anniEra noto per aver camminato in ogni angolo del suo distretto.

Ma quando Hollier ha bussato alla sua prima porta durante la sua prima corsa alla carica, la donna che ha risposto ha detto: “Mi tradirai come Guam?” lei chiese. – Un suggerimento Guam Kilpatrick, ex sindaco di Detroit.

Quell’esperienza lo ha tranquillizzato sulla corsa per una carica come uomo di colore a Detroit, una città altamente segregata dove i neri sono spesso disoccupati o incarcerati. Ma lo ha anche motivato a dimostrare che la donna si sbagliava.

Nel giorno del suo 25esimo compleanno, Hollier ricorda di aver preso del cibo da un negozio vicino alla casa dei suoi genitori. Detto del traguardo, l’uomo dietro il bancone ha risposto: “Congratulazioni. Non tutti ce la fanno. “

Con le primarie a un solo giorno di distanza, Hollier ha trascorso 760 ore a sollecitare donazioni per telefono e ha raccolto oltre $ 1 milione. La sua campagna sostiene di aver fatto 300.000 telefonate e 40.000 bussare alla porta – il doppio di quello che, mi dice con orgoglio, la rappresentante Rashida Thlaib è stata in grado di fare in un distretto vicino.

Ma quando gli ho chiesto se sarebbe stato sollevato se avesse perso, ha ammesso: “È dura”.

Si fermò per un momento e disse: “Sono sicuro di aver fatto del mio meglio”.

Cosa studiare

  • I passi falsi repubblicani, i candidati deboli e i problemi di raccolta fondi presentano opportunità inaspettate per i democratici nelle gare governative di quest’anno. Scrive Jonathan Martin.

  • Lo riferisce Shira Frankel Un nuovo movimento potenzialmente dirompente: i genitori che si sono uniti alle cause anti-vaccinazione e anti-maschera durante la pandemia hanno ristretto le loro convinzioni politiche su tali questioni a un’unica mente.

  • Madison Underwood, una donna di 22 anni del Tennessee, è stata entusiasta di scoprire di essere incinta. Ma quando un raro difetto in un feto in via di sviluppo minaccia la sua vita, viene gettata nel caos post-Roe. Neelam Bohra ha la storia.

– Appestare

C’è qualcosa che pensi ci sia sfuggito? Vorresti vedere di più? Ci piacerebbe avere tue notizie. Mandaci un email onpolitics@nytimes.com.


Leave a Reply

Your email address will not be published.