Ovest, Lavrov all’Onu per le atrocità in Ucraina


Il 20 settembre 2022 a Mosca, in Russia, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov partecipa a una cerimonia per ricevere lettere credenziali da ambasciatori stranieri di nuova nomina al Cremlino. Sputnik/Pavel Petnyakov/Pool tramite REUTERS/file foto

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

NAZIONI UNITE, 22 settembre (Reuters) – Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov incontrerà i suoi omologhi ucraini e occidentali giovedì mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunisce sulle atrocità in Ucraina.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan informeranno l’organismo di 15 membri, che si riunisce durante l’incontro annuale dei leader mondiali per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio quando il Consiglio di sicurezza si è riunito a New York per discutere le preoccupazioni occidentali sul fatto che Mosca stesse pianificando un’operazione del genere. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Un crimine è stato commesso contro l’Ucraina e chiediamo una punizione equa”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video registrato in parlamento mercoledì. “Un crimine contro la vita del nostro popolo. Un crimine contro la dignità delle nostre donne e dei nostri uomini”. leggi di più

L’Ucraina, gli Stati Uniti e altri paesi hanno accusato la Russia di crimini di guerra in Ucraina. La Russia nega di prendere di mira i civili durante quella che definisce una “operazione militare speciale”, descrivendo le accuse di violazioni dei diritti umani come una campagna diffamatoria.

Il Consiglio di sicurezza si riunisce il giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato la mobilitazione di centinaia di migliaia di russi per combattere in Ucraina, minacciando di annettere parti del territorio ucraino e utilizzare armi nucleari. leggi di più

Il Consiglio non è stato in grado di intraprendere alcuna azione significativa nei confronti dell’Ucraina poiché la Russia è un membro permanente che esercita il veto insieme a Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Cina. La riunione di giovedì sarà almeno la ventesima volta che il Consiglio di sicurezza si riunisce in Ucraina quest’anno.

Dopo il briefing di Guterres e Khan, parleranno 15 membri del consiglio, seguiti dall’Ucraina, da diversi paesi europei, dalla Bielorussia e dal capo della politica estera dell’UE Joseph Borrell.

A luglio, Lavrov ha abbandonato una riunione del Gruppo dei 20 ministri degli Esteri in Indonesia, di fronte alle richieste di porre fine alla guerra e alle critiche sul fatto che il conflitto stia alimentando una crisi alimentare globale. Lavrov ha rimproverato l’Occidente per “critiche rabbiose”.

Durante questo incontro, l’ONU Sebbene sia improbabile che il seggio della Russia nel Consiglio di sicurezza rimanga vacante, non è chiaro per quanto tempo Lavrov possa rimanere nella camera.

Il mese scorso il procuratore capo per i crimini di guerra dell’Ucraina ha detto a Reuters che il suo ufficio stava indagando su quasi 26.000 casi di crimini di guerra dall’invasione russa del 24 febbraio e che 135 persone erano state accusate. leggi di più

Funzionari ucraini hanno detto la scorsa settimana di aver trovato centinaia di corpi, alcuni con le mani legate dietro la schiena, sepolti in un territorio vicino alla città nord-orientale di Aygeum riconquistata dalle forze russe, dove Zelenskiy ha detto che crimini di guerra erano stati provati dagli invasori.

Il capo dell’amministrazione filorussa, che una settimana fa ha abbandonato la regione, ha accusato gli ucraini di compiere atrocità a Issio. leggi di più

Questa settimana, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha riferito che 5.916 civili sono stati uccisi e 8.616 feriti in Ucraina dall’inizio del conflitto.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazioni di Humeyra Pamuk e Michelle Nichols; Montaggio di Mary Milligan e Grant McCool

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.


Leave a Reply

Your email address will not be published.