Steve Bannon dice di essere pronto a testimoniare davanti al panel il 6 gennaio dopo che Trump ha ritirato le rivendicazioni sui privilegi dei dirigenti


Il capovolgimento di Bannon arriva dopo aver ricevuto una lettera dal premier Il presidente Donald Trump arrendersi Privilegio amministrativoSebbene sia il comitato ristretto della Camera che i pubblici ministeri federali inizialmente abbiano sostenuto che Bannon non ha cercato carta bianca per ignorare una citazione in giudizio del Congresso.

“Quando sei stato citato in giudizio per la prima volta per testimoniare e produrre documenti, mi è stato concesso il privilegio di dirigente. Tuttavia, ho visto quanto ingiustamente tu e altri siete stati trattati, speso molti soldi per le spese legali e il trauma che avete subito. Sto andando per amore del proprio Paese e rispetto per l’ufficio di presidenza”, ha detto Trump. In una lettera a Bannon di sabato, ottenuta dalla CNN.

“Quindi, se riesci a raggiungere un accordo su un’ora e un luogo per la tua testimonianza, rinuncerò al tuo privilegio esecutivo, che ti consente di entrare e testimoniare in modo veritiero ed equo”, ha aggiunto Trump. Teppisti e hack”.

Bannon è stato incriminato l’anno scorso per due capi di imputazione per oltraggio al Congresso. Ha sostenuto di essere libero di ignorare la sua citazione al Congresso per proteggere le potenziali richieste di privilegi di Trump. Ma i pubblici ministeri federali e altri esperti legali hanno affermato che il privilegio non si applica a Bannon – che ha lasciato il suo capo stratega della Casa Bianca anni prima delle rivolte del Campidoglio – e non gli conferisce il potere di rifiutarsi di consegnare documenti o testimonianze. gruppo.

La squadra di Bannon ha fornito la nuova lettera di Trump al comitato durante la notte del 6 gennaio, insieme a una lettera dell’avvocato di Bannon Bob Costello.

“Mentre il signor Bannon è rimasto fermo nelle sue convinzioni, le circostanze ora sono cambiate”, ha scritto Costello. “Il signor Bannon è disposto, anzi disposto, a testimoniare alla sua udienza pubblica.”

Il rappresentante Joe Lofgren, un democratico della California che siede nel panel del 6 gennaio, ha detto a Jake Tapper della CNN durante lo “State of the Union” di domenica che il panel non ha ancora avuto la possibilità di discutere la lettera di Bannon, ma “non vedo l’ora di farlo Glielo chiederemo, ha tante domande”.

Lofgren, tuttavia, ha affermato che la testimonianza pubblica di Bannon era improbabile, osservando che il comitato di solito conduce le deposizioni. “Va avanti per ore e ore. Vogliamo rispondere a tutte le nostre domande, cosa che non puoi fare in un formato live”, ha detto.

Il team del 6 gennaio era ansioso di parlare con Bannon delle interazioni con Trump nel dicembre 2020 e Bannon ha insistito affinché si concentrasse sulla certificazione del 6 gennaio dei risultati delle elezioni presidenziali. I relatori sono rimasti incuriositi dai commenti di Bannon prima della rivolta del Campidoglio, incluso un podcast del 5 gennaio in cui prevedeva che “domani si scatenerà l’inferno”.

Bannon, che si è dichiarato colpevole dell’accusa di oltraggio, dovrebbe comparire in tribunale il 18 luglio. Testimoniare non lo esonererebbe necessariamente dalle accuse di disprezzo criminale che deve affrontare, quindi non è chiaro in che modo il suo imminente processo sarebbe influenzato se Bannon avesse attaccato qualcuno. Contatta il gruppo per testimoniare. Lunedì dovrebbe comparire in tribunale per la sua citazione in giudizio.

Un portavoce del gruppo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Questa storia è stata aggiornata con una reazione aggiuntiva.

Morgan Rimmer della CNN ha contribuito a questo rapporto.


Leave a Reply

Your email address will not be published.