Tutti gli imputati sono stati giudicati colpevoli per aver abbattuto MH17


Commento

AMSTERDAM – Un tribunale olandese giovedì ha condannato due russi e un ucraino per omicidio colposo nell’abbattimento del 2014 di un volo della Malaysia Airlines sopra l’Ucraina orientale che ha ucciso tutti i 298 passeggeri e l’equipaggio a bordo.

La condanna degli imputati – due ex ufficiali dei servizi di sicurezza russi e un cittadino ucraino che comandava i separatisti filo-russi nella regione orientale del Donbass in Ucraina – coinvolge il governo russo. Mosca ha a lungo negato la responsabilità della distruzione dell’aereo di linea e si è rifiutata di estradare gli imputati o di cooperare con gli investigatori. Un terzo imputato russo è stato assolto.

Gli imputati non si sono presentati al processo e non sono in custodia cautelare. I condannati erano Igor Girkin, un ex colonnello dell’FSB, il servizio di sicurezza russo, che in seguito ha servito come ministro della difesa dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk; Sergei Dubinsky, ex ufficiale dell’agenzia di intelligence militare russa GRU; e Leonid Garchenko, il comandante ucraino delle forze separatiste nel Donbass.

Sono stati condannati al carcere, anche se non sono mai stati catturati.

Un quarto imputato, Oleg Pulatov, che prestava servizio nell’unità speciale del GRU, è stato assolto per insufficienza di prove. Bulatov è stato l’unico imputato che ha inviato avvocati per difenderlo durante il processo, e in precedenza aveva chiesto alla corte di assolverlo, dicendo che non aveva alcun ruolo nell’incidente.

Il verdetto ha fatto seguito a un’indagine durata anni su chi ha abbattuto un Boeing 777 in volo da Amsterdam a Kuala Lumpur il 17 luglio 2014, lasciando corpi e detriti sparsi nei campi dell’Ucraina orientale.

L’incidente è avvenuto durante i combattimenti tra separatisti sostenuti dalla Russia e forze ucraine nell’area in cui diversi jet militari ucraini sono stati abbattuti nelle settimane precedenti l’abbattimento del volo Malaysia Airlines 17.

La Russia sostiene da tempo di non essere parte del conflitto scoppiato nel Donbass nel 2014 e di non controllare le milizie filo-russe a Donetsk, dove quattro imputati ricoprivano alte cariche nell’ambito delle milizie separatiste.

Tuttavia, il tribunale ha stabilito che Mosca finanziava e armava le forze separatiste a Donetsk e generalmente controllava la regione separatista e i suoi funzionari.

La corte ha anche ritenuto che il lancio del disco fosse intenzionale, ma molto probabilmente gli imputati pensavano di sparare a un aereo militare.

“Il giudizio non può riportare in vita i morti”, ha detto il giudice che presiede Hendrik Steenhuis. “Ma viene fornita chiarezza su chi è la colpa”.

Ecco cosa sappiamo dei quattro sospetti accusati di aver abbattuto il volo MH17

Dopo l’annuncio del verdetto, le famiglie delle vittime si sono abbracciate e hanno pianto.

“È stato un verdetto buono ed equilibrato, in cui tre persone hanno ricevuto il massimo della pena, e il ruolo della Russia è stato confermato”, ha detto Pete Blok, che ha perso il fratello, il cognato e il nipote. “Mi sento sollevato dal fatto che giustizia sia stata fatta”.

“Stavamo applaudendo ed eravamo felici che finalmente, dopo otto anni, potessimo sentire la verità”, ha detto Thomas Schansmann, il cui figlio di 19 anni, Queen, era sull’aereo. “Molte più persone potrebbero essere in prigione per questo, ma quello che voglio ora è che Putin e il governo russo accettino le proprie responsabilità”.

Il Cremlino non solo ha negato il coinvolgimento, ma ha cercato di diffamare l’indagine come politicamente parziale. Ha promosso varie spiegazioni su come l’aereo è stato abbattuto, dall’incolpare il governo ucraino al respingere le prove nel caso come fabbricate.

Nel primo commento ufficiale della Russia sul verdetto, il ministero degli Esteri ha liquidato la decisione definendola un “ordine politico”.

Gli investigatori olandesi hanno fatto di tutto per sfatare le affermazioni di Mosca, pubblicandone una dettagliata Cronologia Colpo e ambientazione del personaggio Gli imputati hanno svolto un ruolo nella consegna del sistema missilistico al sito missilistico di Bervomaisky e nell’abbattimento dell’aereo.

Investigatori incolpano l’intelligence russa, 4 sospetti legati a milizie filo-Mosca nell’abbattimento di jet sull’Ucraina

Diversi membri della famiglia delle vittime del Volo 17 hanno suggerito che se la comunità internazionale avesse resistito più duramente contro Mosca negli anni successivi all’abbattimento dell’aereo, l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia avrebbe potuto essere evitata quest’anno.

“Nonostante le prove contrarie, l’Occidente è stato felice di accettare l’idea che i gruppi separatisti in Ucraina non siano solo rappresentanti della Federazione Russa, ma che possano chiudere un occhio sull’aggressione russa”, ha affermato Eliot Higgins, fondatore di Bellingcat. . , che ha attaccato il sistema missilistico Pak al 53° squadrone missilistico antiaereo russo e ha condiviso le sue scoperte con gli investigatori olandesi.

Higgins ha aggiunto: “Se l’Occidente avesse resistito all’aggressione russa nel 2014, avremmo potuto evitare la situazione in cui ci troviamo oggi”.

Due giorni prima del verdetto, un missile è caduto in un villaggio polacco vicino al confine con l’Ucraina, uccidendo due persone. Varsavia ha affermato che potrebbe essere stato un missile di difesa aerea ucraino errante, ma l’incidente è stato un altro esempio dell’aggressione russa che ha avuto conseguenze pericolose per gli spettatori innocenti.

Kirkin, che ha servito come comandante delle forze separatiste sostenute dal Cremlino a Donetsk, una volta si è vantato di aver “premuto il grilletto della guerra” in Ucraina. Per anni ha vissuto al sicuro in Russia, ma recentemente ha lasciato Mosca ed è tornato in prima linea in Ucraina il mese scorso.

Si ritiene che Khirkin fosse l’ufficiale militare più anziano in diretto contatto con Mosca al momento dell’abbattimento dell’aereo e si dice che abbia aiutato a trasportare il sistema missilistico Pak. In precedenza aveva affermato di sentire “una responsabilità morale” per la morte di massa dei passeggeri, ma ha negato di aver contribuito direttamente.

A metà ottobre, Kirkin ha scritto sul suo popolare blog Telegram di essersi unito ai “militari attivi”. Kirkin usa spesso il blog come piattaforma per criticare aspramente la strategia militare della Russia in Ucraina. Sua moglie, Miroslava Reginska, ha condiviso una foto di Kirkin, che indossa un’uniforme militare e si chiama anche Igor Strelkov.

A seguito delle notizie secondo cui Kirkin era tornato sul campo di battaglia, gli ucraini hanno lanciato una campagna di crowdfunding per raccogliere una ricompensa di $ 100.000 per la sua cattura.


Leave a Reply

Your email address will not be published.